giovedì 30 giugno 2016

Segnalazione: Solo una storia d’amore e di troppe paturnie. Volume 2 - Momi Gatto

"Tu non sei una ragazza da avventure, tu t’innamori e fai innamorare"

Questa è la descrizione perfetta di  Giulia, la ragazza che ha fatto capitolare il bel Davide in "Solo una storia d’amore e di troppe paturnie." (Recensione qui) 
In questo secondo volume rincontreremo i protagonisti che ci hanno fatto tanto sospirare. Avremo l’amato lieto fine? Cosa state aspettando, scopritelo!

 Solo una storia d’amore e di troppe paturnie. Volume 2 di Momi Gatto

Prezzo ebook: 2,99 €

Pagine: 461

Editore: Youcanprint

Genere: romance

Collana: trilogia delle paturnie

Uscita: 26 ottobre 2015

In Solo una storia d’amore e di troppe paturnie, Giulia e Davide si sono incontrati, sono diventati amici e, ognuno coi propri tempi, hanno scoperto di amarsi. In questo secondo capitolo della “Trilogia delle paturnie”, li vediamo gestire gli inizi del loro rapporto… una gestione che non sempre li trova sulla stessa lunghezza d’onda.
Solo una cosa potrebbe aiutarla nello scontro epico coi suoi timori, ascoltare senza filtri ciò che le dice Davide. Invece Giulia propende per i classici piedi di piombo imbrigliando sentimenti e impulsi, ma farlo con uno come lui si rivela presto impossibile. La schiettezza del pallanuotista, unita alle continue stoccate mirate a farle abbassare la guardia, la convincono ad abbandonare il lato oscuro delle paranoie. Peccato però che, nonostante lui ci si avvicini in modo quasi indecoroso, il ragazzo perfetto non esista. Detto ciò, alzi la mano chi non ha scambi di vedute col proprio innamorato, chi non ci litiga, chi non ha avuto una crisi… autorizzata o meno che fosse. Riuscirà il caratterino caparbio e frizzante della nostra protagonista a sostenerla nel tenere testa a quel turbine senza freni che è il suo fidanzato?
Il punto di vista di Davide ha qui un po’ più spazio, per permettervi di comprendere come ragiona e farvi aumentare l’infatuazione per lui… oppure la voglia di prenderlo a calci, chissà. Anche gli amici sono più presenti, pronti a intervenire bruscamente o meno quando il cervello dell’una o dell’altro rischia di implodere causa sovraccarico di emozioni.



"L'autrice ci fa comprendere come l'amore va alimentato nel corso del tempo, amarsi non basta se non si ha il coraggio di lottare."
Walk in Wonderland

ESTRATTO ~

“Chiama i tuoi, inventati una balla qualsiasi perché ti permettano di venire a casa mia in campagna. A partire da ora fino a domani sera”.
Cosa? No! Non sono mentalmente preparata a una full immersion  con lui… e sospetto di non esserlo nemmeno fisicamente. Alzo il mento pronta a fare ostruzione.
“Mi stai suggerendo di mentire?”. 
“Potrei darti suggerimenti su molte cose, ma non sul mentire”. Hey!  “Per quanto mi riguarda puoi tranquillamente dire a tuo padre che stai per passare il week end a fare l’amore con me, solo che dubito tu voglia farlo”.
Ossignore santissimo… 
“E se io non ci volessi venire?”,  blatero nervosa.
“Ci vieni lo stesso, e non sprecare tempo a scervellarti per trovare una scappatoia, sei solo mia per due giorni”.
Lui sa che ho bisogno dei miei tempi e sembrava non volermi forzare, non troppo perlomeno.
“Mi sembrava fossi d’accordo!”,  sbotto. 
“Non credo proprio, al limite concordavo sul fatto di meritarmelo. Non so se ho scontato le mie colpe ma tu, mia cara, hai pagato la cauzione con quello spettacolino”.
Accidenti a lui e accidenti a me! Che diavolo mi è venuto in mente? 
“Porca miseria Davide, hai detto che avremmo fatto le cose con calma”,  sbotto di nuovo battendo i piedi.
“Non ho mai detto un’assurdità del genere”.
“Sì invece, la sera prima di partire per Londra”.
“Di nuovo hai la memoria a singhiozzo. Ho detto che l’avremmo fatto nel caso non ti sentissi pronta a mettermi con me. Mi sembra ovvio che ora la questione sia superata”.  Ruggisco dal naso e lui continua serioso,  “Anzi, visto che siamo in argomento, se vuoi perseverare col trattenerti per evitare di dimostrarmi qualcosa per me va bene, ma sappi che stai solo sprecando le tue energie”.


Momi Gatto, quarantacinque anni, milanese doc. Ho lavorato per un lungo periodo come grafica pubblicitaria, ora collaboro con mio marito e faccio la mamma di Davide… adolescente, chitarrista, pallanuotista e bellissimo.
Una delle ragioni per cui mi sono buttata in questa avventura e’ quella di essere un’amante della lettura. Ho scritto la storia che avrei voluto leggere e che non mi stanco mai di rileggere, dando così vita alla Trilogia delle paturnie. Esperienze vissute in gioventù, si intrecciano ad altre inventate di sana pianta per permettere all’amore di vincere sulle paranoie. Sono romanzi adatti a tutte le età, per le donne mature che vogliono rivivere i primi batticuori, per le giovanissime che li stanno vivendo, e per i ragazzi che ce li provocano.
A volte non c’è bisogno di sorprendere chi legge con colpi di scena fantasiosi, basta coinvolgerlo, divertirlo, e farlo affezionare ai protagonisti… esattamente come ho fatto io.

Per recensioni ed estratti, la pagina Facebook dedicata alla trilogia delle paturnie http://www.facebook.com/pages/Solo-una-storia-damore-e-di-troppe-paturnie/549053938562141

2 commenti:

  1. AHHHHHh ma io devo recuperare il primo libro ASSOLUTAMENTE!

    RispondiElimina